Monday, 27 May 2024

Rivincita di Trump contro Biden. Osserva questi 3 Stati.

Roberto Masiero By Roberto Masiero | February 18, 2024 | United States

Vuoi sapere come andrà a finire la campagna presidenziale del 2024 tra Trump e Biden? Osserva questi tre stati: Georgia, Wisconsin e Arizona.

TRADUZIONE ED ANALISI DELL'ARTICOLO PUBBLICATO DA TIM PHILLIPS - AUTORE, ROBERTO MASIERO

Nel 2016, Trump ha vinto tutti e tre gli stati vincendo la presidenza su Hillary Clinton. Tuttavia, nel 2020 Biden ha ribaltato di poco tutti e tre gli stati sconfiggendo Trump. Biden ha vinto ogni stato con meno dell’1%. Per l’esattezza, perché spesso in politica bisogna esserlo, Biden ha vinto in Georgia con lo 0,2% ovvero 11.779 voti. Ha vinto l'Arizona con lo 0,3% o 10.457 voti. Ha vinto il Wisconsin con un margine relativamente “comodo” dello 0,7% o 20.682 voti. Pertanto, un totale di 42.918 voti in 3 tre stati hanno fornito a Biden il margine totale di vittoria in un’elezione nazionale in cui hanno votato oltre 154 milioni di americani. Se Biden avesse perso questi 3 stati, il suo conteggio elettorale sarebbe sceso da 306 a 269, e il conteggio elettorale di Trump sarebbe aumentato da 232 a, sì, avete indovinato, 269. Le elezioni presidenziali sarebbero state PARI nel collegio elettorale. La Costituzione richiede che un candidato riceva la maggioranza del collegio elettorale. Pertanto, la Camera dei Rappresentanti avrebbe deciso uno scambio di 42.918 voti e le elezioni presidenziali del 2020. L'ultima volta che ciò accadde fu nel 1824 quando John Quincy Adams sconfisse Andrew Jackson alla Camera dei Rappresentanti quando i 4 candidati alla presidenza si divisero il voto al punto che nessuno di loro ottenne la maggioranza del collegio elettorale. La chiave per ciascuno di questi 3 stati?

  • Elettori suburbani con istruzione universitaria;
  • Elettori operai con poca o nessuna università;
  • Elettori giovani sotto i 29 anni.

Diamo una breve occhiata a ciascun gruppo. Per oltre una generazione, gli abitanti delle periferie con istruzione universitaria hanno votato repubblicano e, di fatto, hanno aperto la strada alle prese di potere repubblicane negli stati del sud e dell’ovest. Questi elettori suburbani appoggiarono Reagan e poi il suo successore, Bush, nel 1988. Con qualche deviazione, i repubblicani conquistarono le periferie con il sostegno di questi elettori "'colletti bianchi" ben istruiti. Tuttavia, a partire da Obama nel 2008 e accelerando durante gli anni di Trump, questi elettori istruiti nei college suburbani hanno iniziato a votare democratico. Oggi, la maggioranza è costituita da democratici acculturati che occasionalmente voteranno repubblicani. Luoghi come la contea di North Fulton (dove una volta vivevo all'inizio degli anni 2000) in Georgia ora eleggono per lo più democratici su e giù per il ballottaggio. I repubblicani nella periferia di Milwaukee, nel Wisconsin, ora lottano per vincere le elezioni mentre vengono spazzati via nella periferia di Madison. È una storia simile in gran parte dei sobborghi di Phoenix. In effetti, Biden è diventato il primo candidato presidenziale democratico a vincere la contea di Maricopa (la contea dominante nella periferia di Phoenix) dai tempi di Harry Truman nel 1948. Per capovolgere questi 3 stati, Trump dovrà ridurre i margini di sconfitta tra questi cittadini suburbani istruiti all’università che non amano il suo tono e la sua retorica, si preoccupano della questione dell’aborto e si sentono culturalmente più a loro agio con i democratici. Questi elettori si sono sentiti economicamente sicuri e personalmente abbastanza sicuri nel 2020 da assecondare il loro personale disgusto per Trump votando per Biden. Quest’anno sono molto più preoccupati per il loro benessere personale e hanno la sensazione (accurata, tra l’altro) di essere più sicuri e più prosperi durante gli anni di Trump che adesso durante la presidenza Biden. In secondo luogo, Trump ha vinto la presidenza nel 2016 in gran parte grazie al forte sostegno degli elettori operai e senza istruzione universitaria che si sono orientati con decisione verso la sua candidatura dopo aver ampiamente sostenuto i candidati presidenziali democratici letteralmente per decenni. Trump ha sfondato il “muro blu” soprattutto in Pennsylvania, Michigan e Wisconsin con il forte sostegno di questi elettori "colletti blu". Nel 2020, Trump aveva ancora la maggioranza dei voti. Tuttavia, i suoi margini tra questi elettori senza istruzione universitaria si sono ridotti, e questa perdita di sostegno ha condannato Trump in una manciata di stati chiave che ha finito per perdere. Al momento, i sondaggi indicano che Trump è tornato sulla buona strada con questi elettori cruciali. In terzo luogo, gli elettori più giovani di età inferiore ai 29 anni. Questi giovani hanno votato in modo decisivo per Biden, proprio come hanno fatto per Hillary Clinton e Barack Obama. Con questi elettori, non è tanto la percentuale quanto l’affluenza totale alle urne che merita di essere osservata. Nel 2016, il loro mancato voto ai livelli di Obama ha contribuito a condannare Hillary Clinton. Tuttavia, nel 2020, hanno votato a livelli record e, senza dubbio, hanno contribuito a spingere Biden in vetta in questi 3 stati più vicini. Per essere chiari, molto altro conterà nel 2024.

  • Trump potrà continuare ad aumentare la sua quota di voti tra i latinoamericani come ha fatto nel 2020?
  • Gli elettori di estrema sinistra arrabbiati con Biden per il suo sostegno a Israele si presenteranno in numero inferiore?
  • I repubblicani moderati saranno scontenti per un’altra affluenza alle urne per la candidatura di Trump per il candidato repubblicano?

Tutti questi fattori avranno importanza nelle “Big 3” di Georgia, Wisconsin e Arizona. Inoltre, saranno cruciali anche altri 3 stati: la Pennsylvania (dove Biden ha guadagnato l’1,17% dopo che Trump l’ha portata dello 0,72% nel 2016), il Michigan (Biden l’ha portata a segno del 2,8% dopo che Trump l’ha portata a segno dello 0,16% nel 2016) e la Carolina del Nord (dove Trump ha ottenuto l’1,4% nel 2020).

In conclusione: i sondaggi attualmente mostrano Trump con un leggero ma costante vantaggio in Georgia e Arizona. Il sondaggio è meno conclusivo ma al momento comunque favorevole a Trump in Wisconsin. Nel complesso, Biden si colloca costantemente ai livelli più bassi tra tutti i presidenti della storia americana moderna. Rimani sintonizzato. C'è molto da fare.

L'analisi dei dati presentati offre uno sguardo approfondito sulle dinamiche elettorali che potrebbero determinare l'esito delle elezioni presidenziali del 2024 negli Stati Uniti. La focalizzazione su Georgia, Wisconsin e Arizona come stati chiave è cruciale, data la loro capacità di ribaltare l'esito delle elezioni a favore di uno dei due candidati, come dimostrato dai margini estremamente ristretti nelle elezioni del 2016 e del 2020.

La vittoria di Biden nel 2020 in questi stati per margini inferiori all'1% sottolinea la volatilità e l'importanza di questi stati nel panorama elettorale americano. Un totale di soli 42.918 voti ha deciso il risultato in questi tre stati, evidenziando come poche migliaia di voti possano avere un impatto significativo in un'elezione nazionale in cui hanno votato oltre 154 milioni di americani. Questa analisi evidenzia l'importanza critica di ogni singolo voto e la potenziale instabilità del risultato elettorale, sottolineando la possibilità di un risultato incerto nel collegio elettorale, come ipotizzato in uno scenario in cui Biden avesse perso questi stati.

L'analisi demografica degli elettori in questi stati suggerisce che i gruppi chiave includono elettori suburbani con istruzione universitaria, elettori operai con poca o nessuna istruzione universitaria, e giovani elettori sotto i 29 anni. Ognuno di questi segmenti elettorali ha dimostrato di essere in grado di influenzare l'esito delle elezioni, con dinamiche e tendenze di voto in evoluzione negli ultimi anni. Ad esempio, la tendenza degli elettori suburbani con istruzione universitaria a spostarsi verso il Partito Democratico durante gli anni di Trump suggerisce un cambiamento significativo nelle alleanze politiche, che potrebbe continuare o invertirsi nel 2024.

Per Trump, ridurre i margini di sconfitta tra gli elettori suburbani istruiti all’università e mantenere o aumentare il sostegno tra gli elettori operai senza istruzione universitaria saranno strategie fondamentali. Inoltre, la capacità di influenzare l'affluenza e le preferenze di voto degli elettori più giovani potrebbe avere un impatto decisivo. 

L'analisi suggerisce che, oltre a questi tre stati, altri stati come Pennsylvania, Michigan e Carolina del Nord saranno altrettanto cruciali nel determinare l'esito delle elezioni. L'attuale vantaggio di Trump nei sondaggi in Georgia e Arizona, insieme alla situazione meno definita ma comunque favorevole in Wisconsin, offre una prospettiva preliminare sulle tendenze elettorali.

In conclusione, questa analisi mette in evidenza la complessità e l'incertezza delle elezioni presidenziali del 2024, con molti fattori, tra cui le dinamiche demografiche elettorali e le questioni chiave per gli elettori, che giocheranno un ruolo cruciale. L'evoluzione del panorama politico e delle preferenze elettorali nei prossimi mesi sarà determinante per comprendere meglio come potrebbe evolversi la campagna presidenziale del 2024.


Related News

This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website. By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies. Read More Accept