Tuesday, 28 September 2021

Uno studio conferma che gli uccelli marini sono orientati con l'odore

TonyCurtis By TonyCurtis | August 30, 2017 | Italy

L'odore è fondamentale per gli uccelli marini quando percorrono lunghe distanze, e’ stato confermato da uno studio fatto con falchi grigi, una specie che vive nel Mar Mediterraneo.

Finora due recenti esperimenti avevano messo in evidenza l'importanza dell’olfatto nella navigazione degli uccelli, ma poiche’ questi uccelli erano stati spostati dall’uomo "artificialmente" prima di essere liberati, gli scienziati hanno voluto ripetere l'esercizio in condizioni naturali, come riportato dagli Autori dello studio pubblicato nella rivista Scientific Reports.

Il team di ricercatori delle Università di Oxford, Barcellona e Pisa ha osservato i percorsi liberi di 32 falchi grigi (Calonectris diomedea) che vivevano nelle vicinanze delle coste di Minorca (Isole Baleari, Spagna).

L'esperimento si e’ svolto in estate quando questi uccelli migratori, che passano l’inverno  nell'Oceano Atlantico, fanno il loro nido nella costa rocciosa di Minorca. Gli animali sono stati suddivisi in tre gruppi, uno dei quali privati ​​temporaneamente di olfazione con una soluzione nasale di solfato di zinco.

Tutti gli uccelli sono andati a cercare cibo lontano dalle coste durante   viaggi durati da 3 a 10 giorni, hanno guadagnato peso e sono tornati al nido. Ma il viaggio degli uccelli privati ​​dell’olfatto e’ stato singolare.Invece di orientarsi correttamente verso la loro colonia   hanno volato diritto senza cambiare posizione   mentre stavano volando sopra il mare, come riferito dallo studio.  Il loro orientamento è migliorato chiaramente solo quando si stavano avvicinando alla costa di Minorca.

Ciò suggerisce che quando non possono odorare, gli uccelli   utilizzano punti di riferimento visivi del panorama per arrivare alla meta, sempre secondo lo studio.

Invece  quando volano sul mare e sono lontani da terra  gli uccelli devono consultare la loro mappa olfattiva, hanno concluso i ricercatori.

Ma che cosa annusano? Uno studio del 2005 ha mostrato che alcuni uccelli appartenenti allo stesso gruppo dei falchi grigi  erano  sensibili al dimetil solfato (DMS),  un composto prodotto dal fitoplancton.

Questo aspetto non è stato testato con i falchi grigi.

From scientific reports (nature.com/articles/srep16486)


Related News

This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website. By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies. Read More Accept