Thursday, 13 June 2024

Enzo......non dimenticare le tue scarpe da tennis!

Luciana Vecchiato By Luciana Vecchiato | March 29, 2013 | Italy

Cosi’ me lo immagino che sale verso “lassu’” con ai piedi le sue famose Scarpe da tennis.... Jannacci... cantore originale ed unico.

Trovera’ sicuramente Giorgio (Gaber!) ad aspettarlo e gia’ me li vedo..ironici, a spassarsela facendo a gara fra chi ne dice di piu’ su questo nostro povero Mondo e sulle disgrazie che ci riguardano ma diranno tutto con una tale verve ed eleganza che non potremo fare a meno di applaudirli fino a spellarci le mani.

Come sempre in tutte le loro apparizioni (ahime’ sempre poche)  ci catturavano l’anima e facevano venire voglia a tutti di cantare insieme a loro.....a squarciagola.

Jannacci, 77 anni,  cantautore, cabarettista, attore, medico cardiologo, è stato tra i protagonisti della scena musicale italiana dagli anni ’60 in poi.

Ha debuttato  come solista con canzoni quali “L'ombrello di mio fratello” e “Il cane con i capelli” ma a farlo conoscere al grande pubblico nel 1968 è “Vengo anch'io. No, tu no” divenuto in breve tempo campione di vendite e tormentone durato anni, tanto che ancora oggi quando qualcuno dice “vengo anch’io” in automatico (a noi di quegli anni) viene da rispondere “no, tu no!”

Altri grandi brani  “Ho visto un re” (testo di Dario Fo)  E poi “Quelli che...” del 1975, che contiene “Vincenzina e la fabbrica”, dedicata al tema del rapporto degli operai (allora un argomento molto caldo)  con il mondo della fabbrica attraverso gli occhi di una ragazza (colonna sonore del film Romanzo Popolare del 1974 con Ugo Tognazzi e la giovane Ornella Muti).   Ricordiamo  anche “Veronica”,   “Messico e Nuvole”,  e la mitica, grande e unica “El purtava i scarp del tennis”.

Enzo Iannacci, nato a Milano il 3 giugno del 1935 da madre milanese e padre pugliese, dopo la maturità classica al liceo Manzoni (dove ha conosciuto Gaber)  si e’ laureato  in medicina all'Università degli Studi di Milano, ed esercitato  la professione di medico cardiologo per anni.

Nel frattempo però ha portato avanti  la sua grande passione di musicista: dopo  otto anni di pianoforte al Conservatorio di Milano, si e’ avvicinato  al jazz e iniziato a suonare nei  locali milanesi.  Nella sua parentesi jazz ha  suonato con stelle come Stan Getz, Gerry Mulligan, Chet Baker e Franco Cerri.

E’ riuscito nella sua milanesità  a portare un linguaggio nuovo, surreale, il suo repertorio e’ entrato  di diritto nel canzoniere italiano del secondo dopoguerra. Ha cantato la sua amata Milano e il suo dialetto come pochi.

Grande Enzo, ti ho conosciuto, applaudito, cantato, apprezzato e .....non dimenticare le tue scarpe da tennis!


  • Tags:   Enzo Jannacci Milano Giorgio Gaber 77 anni cantautore cabarettista attore musicista medico_cardiologo scena_musicale_italiana anni_’60 L'ombrello di mio fratello Il cane con i capelli Vengo anch'io. No tu no Ho visto un re Quelli che... Vincenzina e la fabbrica Veronica Messico e Nuvole El purtava i scarp del tennis Dario Fo Romanzo Popolare 1974 Ugo Tognazzi Ornella Muti
  • Categories:  Arts Culture Education Life & Style

Related News

This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website. By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies. Read More Accept